Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 9 giugno 2017

Venerdì 9 Giugno

Dal Vangelo secondo Marco 12,35-37

In quel tempo, insegnando nel tempio, Gesù diceva: «Come mai gli scribi dicono che il Cristo è figlio di Davide? Disse infatti Davide stesso, mosso dallo Spirito Santo:
“Disse il Signore al mio Signore:
Siedi alla mia destra,
finché io ponga i tuoi nemici
sotto i tuoi piedi”.
Davide stesso lo chiama Signore: da dove risulta che è suo figlio?».
E la folla numerosa lo ascoltava volentieri.


Questo brano non è immediato, o per lo meno devo fermarmi sempre di più per comprendere cosa il Signore vuole dirmi con questa Sua Parola. Mi nasce sempre la solita riflessione, ma credo sia fondamentale riproporsela ogni tanto.
Vogliamo sempre il controllo su tutto, conoscere tutto nel tempo di internet Wikipedia, e la ricerca online, per questo Dio a volte ci sta antipatico perché non si può cogliere fino in fondo, non se ne può entrare in possesso.
Nessuno che sia sano di mente potrebbe mai credere di possedere Dio in tutta la sua pienezza.
Credo che a Lui fa piacere ogni tanto metterci di fronte a questo, per distruggere tutte le immagini false che spesso ci creiamo.
Quello che fa oggi con la gente, non vuole essere una critica o una contestazione ma un invito ad andare oltre: va bene cercare di comprenderlo e conoscerlo, ma non fermatevi a quello, cercate di andare anche oltre.
Quante volte mi fermo su questo e paradossalmente perdo lo sguardo che non rimane più su di Lui ma solo su dei dettagli di poco conto.
Non è il mio dio personale, nato e sviluppato per il mio uso e consumo (per fortuna!!!!), ma è il Padre Nostro che è nei cieli....

Buona giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento