Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 2 giugno 2017

Venerdì 2 Giugno

Dal Vangelo secondo Giovanni 21, 15-19

In quel tempo, [quando si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».

Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore».

Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse "Mi vuoi bene?", e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi».

Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».


Quante volte questa domanda il Signore la rivolge a me! Maichol mi ami? Ed io ogni volta paralizzato nella mia fatica riesco a rispondere balbettando un "ti voglio bene".
E' difficile quello che chiede il Signore perché l'amore di cui parla non è quello che  intendiamo noi, nel mondo d'oggi, è molto di più è un Amore che riconosce tutti come fratelli e fa donare la vita per loro.
Sarò mai capace di questo? Certo è molto difficile, ma con il Suo aiuto e con il Suo Amore forse un giorno ci riuscirò.
Basta vedere la sua infinita pazienza, nel ripetermi questa domanda: "mi ami?", "mi ami?" e dopo tutte le mie difficoltà il suo accettare ogni mio limite, ogni mio "ti voglio bene", ed accoglierlo tanto da concludere con quel magnifico "seguimi".
"seguimi, non importa se ora non riesci ad amarmi, imparerai! ed anche se non ci riuscirai mai sappi che io sempre e comunque ti amerò!"

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento