Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 16 giugno 2017

Venerdì 16 Giugno

Dal Vangelo secondo Matteo 5,27-32


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
 «Avete inteso che fu detto: "Non commetterai adulterio". Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel proprio cuore.
 Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna. E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna.
 Fu pure detto: “Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto del ripudio”. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, eccetto il caso di unione illegittima, la espone all’adulterio, e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».

Sembra un Gesù cattivo quello del brano di Vangelo di oggi, o per lo meno un po' radicale.
In realtà mi piace perché usa questa sua radicalità per contrastare l'ipocrisia degli uomini che ha di fronte che un po' è anche la mia.
Questi uomini cercavano cavilli e stratagemmi per piegare le norme a loro piacimento, per ottenere vantaggi personali, anche a discapito di altri uomini o donne, vedi il caso di ripudio.
Quante volte anche io voglio furbescamente modificare la realtà per compiere qualcosa di negativo e  giustificarlo, o magari farlo diventare addirittura positivo!
Devo essere onesto e non è radicalità, ma a volte anche io sono davvero ipocrita e questo Gesù me lo mostra chiaramente, non per farmi capire che sono cattivo, ma per aiutarmi a crescere, per diventare sempre più umano.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento